Passa ai contenuti principali

knitOM

Buongiorno Knitters,
oggi mi rivolgo soprattutto a chi per la prima volta si sta avvicinando al mondo della maglia!

Quello che vi racconterò oggi  vi sembrerà assurdo ma solo perché siete alle primissime armi: pensare al lavoro a maglia come un modo per rilassarvi, ora che quando lo fate siete concentrate su come tenere i ferri, dove far passare il filo, quale tensione giusta tenere....vi sembrerà impossibile, ma vi assicuro che una volta apprese le prime basi, poi non potrete più farne a meno.

Oggi  inizio col srotolare un po' del mio filo ed annodarlo ad un'altra storia.

Il lavoro a maglia mi ha accompagnato in tutti i momenti della mia vita: sferruzzavo da bambina, poi da grande quando aspettavo con trepidazione i miei due bambini!

Tre mesi fa ho perso mio papà, si chiamava Filiberto e ,già nel nome, conteneva quei FILI che mi legavano indissolubilmente a lui. 

Era in ospedale a causa dell'aggravarsi della sua malattia ed io tutti i giorni, per tutto il giorno ero con lui...la sera tornavo nella mia casa di origine sfinita dalla stanchezza, dal dolore e dal pensiero di quello che sarebbe successo. Aspettavo che mia mamma andasse a dormire, poi, nel silenzio assordante di quella  casa che era stata il mio nido, prendevo i miei ferri e cominciavo a sferruzzare. Dritti e rovesci che scorrevano tra le mie dita, che lenivano un dolore grande facendo riaffiorare solo i ricordi, quelli belli, i momenti, quelli felici...e tutte quelle emozioni rimanevano intrecciate nel mio scialle che ho chiamato "Caldo Abbraccio".

Mentre sferruzzavo, tutte le sere per quelle due settimane, mi ricordai di una storia, che avevo letto qualche anno fa nel libro "Sul filo di lana" di Loretta Napoleoni, è la storia di un'americana che, dopo aver perso suo padre, iniziò a lavorare a maglia per mantenere vivo il suo ricordo.

"La donna era stata cresciuta dal padre e dal nonno, originari della Norvegia,una terra famosa per i modelli di maglia tradizionali e le leggende. Il nonno e il padre conoscevano tante storie popolari ed erano bravissimi a raccontarle, quindi, la sua infanzia era stata piena di fiabe sui troll e i nisser, i folletti dispettosi dal tipico copricapo rosso a punta. Imparare a lavorare a maglia come una tipica norvegese le sembrò il modo migliore per tener viva la memoria dei suoi cari, per gettare un solido ponte di ricordi fra passato, presente e futuro.

Si procurò i ferri circolari, il modello di uno scaldacollo norvegese, il filo e guardò un tutorial su YouTube. Iniziò ad avviare le maglie. Le ci volle un po' per imparare a farlo, tanto che continuava a mandare indietro il video e a riguardare il procedimento. Quando finalmente capì i suoi punti erano irregolari: alcuni troppo lenti, altri troppo stretti. Ma non si diede per vinta e continuò finché non si rese conto che stava facendo un pasticcio (...). Trascorse giorni e giorni a fare e disfare, ogni volta accorgendosi di aver commesso errori nuovi. Eppure riavviava le maglie con la stessa determinazione e lo stesso impegno della prima volta. Non cedette alla frustrazione, perché quel sentimento le era estraneo. (...) Trascorse giorni e settimane  a sferruzzare e a disfare...quando finalmente finì lo scaldcollo, lo salutò come un vecchio amico, uno che, durante le settimane di lutto, le aveva tenuto la mano tremante mentre avviava le maglie, lavorava di diritto e di rovescio e disfaceva il lavoro decine e decine di volte".

Buona giornata , Federica


Commenti

Post popolari in questo blog

L'uncinetto tunisino ... che magnifica scoperta!

 In questo periodo di quarantena, in cui abbiamo messo in standby la "normale" routine quotidiana, in cui abbiamo fatto, un po' tutti, i conti con la lentezza, ho dedicato il mio tempo a sperimentare le tecniche più diverse e, quasi per caso, ho incontrato sul web (mantenendo la distanza di sicurezza😜) l' uncinetto tunisino. Una vera e propria scoperta!!! L' uncinetto tunisino è un buon compromesso tra la lavorazione all'uncinetto tradizionale e  il lavoro a maglia, e, forse, è proprio per questo che lo adoro!

"Penso che l' autunno sia più uno stato d' animo, che una stagione"

Amo l'autunno più di ogni altra stagione: penso che le foglie che si colorano di oro, bronzo e rame, siano lo spettacolo più bello che la natura possa offrirci, insieme ai frutti che, allo stesso modo, colorano le nostre tavole! L'autunno è sempre stato, per me, la stagione dei bilanci, della riflessione, del viaggio che faccio dentro me stessa. Finita l' estate, fatta di giorni spensierati in cui decido di mettere in stand by pensieri, progetti e propositi, con l'arrivo dell' autunno riprendo in mano la mia vita, faccio un bilancio di quello che ho realizzato fino a questo momento, ed è allora che decido di "tagliare i rami secchi", se qualcosa non è andato come mi aspettavo, o di tenere e  "colorare", con nuovi colori, ciò che ho ottenuto e che mi piace...la natura in questo è una grande maestra! In autunno prendo le mie decisioni, pianto il seme di progetti futuri, mi preparo lentamente alla primavera che verrà, dopo aver attravers

RicAmare poesia e legare versi

  "Negli spazi di cielo, tra gli alberi infinite piccole vie di fuga disegnano una mappa di sentieri e in ogni tronco, in ogni sua ruga si nasconde la vita di qualcuno un minuscolo abitante, un guardiano di uno spazio breve di felicità forse un creatore di sogni, chissà arrivato da un sentiero lontano per vivere la sua possibilità" (Sabrina Giarratana, "Poesie nell'erba") Voglio raccontarvi la storia di un amore, un amore speciale, un amore nato tra poesia e ricamo. Un pomeriggio di fine estate, poesia e ricamo si incontrarono sotto l'ombra di un grande noce, lì, filari di viti fecero da testimoni alla loro unione e, un vento leggero, soffiò quei versi trasportandoli di nuvola in nuvola perché quell'amore, fatto di poesia e fili, venisse sussurrato alle orecchie di tutte le anime belle. E' esattamente così che nasce questo laboratorio speciale...sotto l'ombra di un noce  presso  www.apilibere.it  , una società agricola "fatta di persone, api