Passa ai contenuti principali

Sul filo del racconto: "DRITTO e ROVESCIO" di Debbie Macomber


 Nel centro di Seattle c'è un negozio speciale, si chiama "L'Intreccio". E' un negozio di filati e la sua proprietaria, Lydia Hoffman, crede fortemente nel potere terapeutico del lavoro a maglia.

Nel suo negozio, oltre a vendere filati di ogni tipo, Lydia organizza  lezioni per insegnare anche ad altri l'arte dello sferruzzamento, e così, "L'Intreccio", diventa il luogo in cui le vite, anche quelle più diverse, si intrecciano insieme alla lana.

Questa volta le lezioni che Lydia ha organizzato prevedono la realizzazione di morbide e calde calze, da regalare alla persona più cara. Non è certo un progetto semplice, ma sotto la guida paziente e appassionata di Lydia, le nuove protagoniste di questa storia, impareranno che  con determinazione, pazienza e costanza, anche il progetto più difficile è realizzabile.

A frequentare le lezioni, anche questa volta sono tre donne molto diverse tra loro, per età, provenienza e vita; tre storie che stanno per intrecciarsi tra un dritto e un rovescio.

Elise è una bibliotecaria in pensione, costretta a vivere con sua figlia e la famiglia di lei, dopo aver perso i suoi risparmi di una vita a causa di una truffa edilizia, il lavoro a maglia diventa un modo per distogliere i pensieri da quella brutta vicenda e trascorrere un po' di tempo fuori casa.

Bethanne è una donna che era stata sempre convinta che il suo fosse un matrimonio solido e felice, ma una mattina si ritrova sola, a dover affrontare un divorzio tanto inaspettato quanto improvviso. Si ritrova sola, con due figli adolescenti da gestire, senza soldi e con la necessità di trovare al più presto un lavoro per essere autonoma.

Courtney, adolescente, alle prese con un momento difficile da gestire: sua madre  morta in un incidente stradale, i suoi fratelli impegnati negli studi e suo padre "costretto" a lavorare in Brasile per poter mantenere la famiglia. Lei si ritrova ad andare a vivere con sua nonna, in una nuova città, a frequentare una nuova scuola. E' sua nonna ad iscriverla al corso di maglia e a guidarla alla ricostruzione di una nuova vita....perché, nonostante tutto, tra un dritto e un rovescio, si può sempre ripartire.

Quelle lezioni di maglia diventeranno qualcosa di più, saranno il modo con cui ognuna di loro farà pace con il proprio passato o con un presente difficile, impareranno a ritrovare se stesse e tutte le possibilità che hanno per poter ricominciare... impareranno a conoscersi e a far tesoro della loro amicizia. 

Nel negozio di Lydia, oltre a queste nuove storie, incontreremo ancora le tre donne che per prime frequentarono il corso di Lydia quando aprì il negozio: Alix, Jacqueline e Carol.

Accanto a tutte queste  storie continua la vita di Lydia, alle prese con un amore tutto da difendere.



Commenti

Post popolari in questo blog

"Penso che l' autunno sia più uno stato d' animo, che una stagione"

Amo l'autunno più di ogni altra stagione: penso che le foglie che si colorano di oro, bronzo e rame, siano lo spettacolo più bello che la natura possa offrirci, insieme ai frutti che, allo stesso modo, colorano le nostre tavole! L'autunno è sempre stato, per me, la stagione dei bilanci, della riflessione, del viaggio che faccio dentro me stessa. Finita l' estate, fatta di giorni spensierati in cui decido di mettere in stand by pensieri, progetti e propositi, con l'arrivo dell' autunno riprendo in mano la mia vita, faccio un bilancio di quello che ho realizzato fino a questo momento, ed è allora che decido di "tagliare i rami secchi", se qualcosa non è andato come mi aspettavo, o di tenere e  "colorare", con nuovi colori, ciò che ho ottenuto e che mi piace...la natura in questo è una grande maestra! In autunno prendo le mie decisioni, pianto il seme di progetti futuri, mi preparo lentamente alla primavera che verrà, dopo aver attravers

L'uncinetto tunisino ... che magnifica scoperta!

 In questo periodo di quarantena, in cui abbiamo messo in standby la "normale" routine quotidiana, in cui abbiamo fatto, un po' tutti, i conti con la lentezza, ho dedicato il mio tempo a sperimentare le tecniche più diverse e, quasi per caso, ho incontrato sul web (mantenendo la distanza di sicurezza😜) l' uncinetto tunisino. Una vera e propria scoperta!!! L' uncinetto tunisino è un buon compromesso tra la lavorazione all'uncinetto tradizionale e  il lavoro a maglia, e, forse, è proprio per questo che lo adoro!

C'era una volta la scatola dei biscotti di latta...

C'era una volta la scatola dei biscotti di latta. Le nonne ci tenevano i bottoni, le spolette di cotone e tutti gli accessori per il cucito.  Ricordo ancora che da bambina amavo curiosare tra le scatole di latta di mia nonna. Quando il pomeriggio, dopo pranzo,  tutti erano a letto per la "pennichella", io andavo nella piccola saletta accanto alla cucina, aprivo l'armadio e tiravo fuori le scatole di latta.  Ce n'erano di tutte le forme e dimensioni, e tra quelle sceglievo sempre quella che conteneva   mille e più bottoni, di ogni forma e misura e di tanti colori: ce n'erano rossi, bianchi, neri, grigi, perlati, di legno, rotondi, quadrati, ovali...ma quelli che preferivo erano più simili a gioielli. Nonna li conservava con cura dopo averli tolti da abiti, camicie o cappotti che non si mettevano più e che in qualche modo o maniera avrebbe poi riciclato ( eh sì perché un tempo non si buttava nulla e le nonne sono state delle ottime insegnanti di riciclo c