Passa ai contenuti principali

RicAmare poesia e legare versi


 "Negli spazi di cielo, tra gli alberi
infinite piccole vie di fuga
disegnano una mappa di sentieri
e in ogni tronco, in ogni sua ruga
si nasconde la vita di qualcuno
un minuscolo abitante, un guardiano
di uno spazio breve di felicità
forse un creatore di sogni, chissà
arrivato da un sentiero lontano
per vivere la sua possibilità"
(Sabrina Giarratana, "Poesie nell'erba")

Voglio raccontarvi la storia di un amore, un amore speciale, un amore nato tra poesia e ricamo.

Un pomeriggio di fine estate, poesia e ricamo si incontrarono sotto l'ombra di un grande noce, lì, filari di viti fecero da testimoni alla loro unione e, un vento leggero, soffiò quei versi trasportandoli di nuvola in nuvola perché quell'amore, fatto di poesia e fili, venisse sussurrato alle orecchie di tutte le anime belle.

E' esattamente così che nasce questo laboratorio speciale...sotto l'ombra di un noce  presso www.apilibere.it , una società agricola "fatta di persone, api e tanta passione",  con a capo due donne resilienti, Annalisa Casali e Veronica Matonti.

Sotto quel noce Monica Morini del Teatro dell'Orsa, www.teatrodellorsa.com/la-casa-delle-storie, racconta la storia di Maria Lai, lei che, per prima, con un nastro azzurro, ha legato un paese alla montagna, dando vita  all'Arte Relazionale, tesoro e custodia di rapporti tra le persone e intreccio di anime (https://www.stazionedellarte.com/maria-lai/) , e inizia  a recitare la poesia di Sabrina Giarratana tratta dal suo libro "Poesie nell'erba", poesia che ho scelto da ricamare su un panno antico e da cui inizierà questo laboratorio di RicAmo Poetico.


Inizia così,  il laboratorio, tra versi recitati di una poesia che è balsamo per le nostre anime.

Si scelgono parole da salvare, sentimenti da cucire, emozioni da intrecciare a fili colorati su pagine di stoffa...


Aghi, fili e uncinetti iniziano la loro danza guidati da  mani laboriose che hanno voglia di raccontare storie, di farsi poesia, di legarsi ai rami di quel noce che, accarezzato da vento, si gode lo spettacolo osservando in silenzio quel via vai di versi, fili e persone.


Un filo dopo l'altro le parole iniziano a farsi forma.....


...le catenelle a legarsi le une alle altre.

Quando arriva Sabrina Giarratana, la sua poesia danza tra i rami soffiati dal vento...



 e noi siamo pronti per far spazio alle sue parole che come ago e filo sanno cucire gli strappi delle nostre anime!


Cosa porterò con me ovunque andrò: l'incanto, la poesia, il vento, le voci, i versi, pezzi di vita cuciti gli uni agli altri, fili preziosi e antichi di vita passata, presente e futura.


Ringrazio la mia amica di filo, Marina, che mi ha accompagnato in questo viaggio












Commenti

Post popolari in questo blog

"Penso che l' autunno sia più uno stato d' animo, che una stagione"

Amo l'autunno più di ogni altra stagione: penso che le foglie che si colorano di oro, bronzo e rame, siano lo spettacolo più bello che la natura possa offrirci, insieme ai frutti che, allo stesso modo, colorano le nostre tavole! L'autunno è sempre stato, per me, la stagione dei bilanci, della riflessione, del viaggio che faccio dentro me stessa. Finita l' estate, fatta di giorni spensierati in cui decido di mettere in stand by pensieri, progetti e propositi, con l'arrivo dell' autunno riprendo in mano la mia vita, faccio un bilancio di quello che ho realizzato fino a questo momento, ed è allora che decido di "tagliare i rami secchi", se qualcosa non è andato come mi aspettavo, o di tenere e  "colorare", con nuovi colori, ciò che ho ottenuto e che mi piace...la natura in questo è una grande maestra! In autunno prendo le mie decisioni, pianto il seme di progetti futuri, mi preparo lentamente alla primavera che verrà, dopo aver attravers

L'uncinetto tunisino ... che magnifica scoperta!

 In questo periodo di quarantena, in cui abbiamo messo in standby la "normale" routine quotidiana, in cui abbiamo fatto, un po' tutti, i conti con la lentezza, ho dedicato il mio tempo a sperimentare le tecniche più diverse e, quasi per caso, ho incontrato sul web (mantenendo la distanza di sicurezza😜) l' uncinetto tunisino. Una vera e propria scoperta!!! L' uncinetto tunisino è un buon compromesso tra la lavorazione all'uncinetto tradizionale e  il lavoro a maglia, e, forse, è proprio per questo che lo adoro!

C'era una volta la scatola dei biscotti di latta...

C'era una volta la scatola dei biscotti di latta. Le nonne ci tenevano i bottoni, le spolette di cotone e tutti gli accessori per il cucito.  Ricordo ancora che da bambina amavo curiosare tra le scatole di latta di mia nonna. Quando il pomeriggio, dopo pranzo,  tutti erano a letto per la "pennichella", io andavo nella piccola saletta accanto alla cucina, aprivo l'armadio e tiravo fuori le scatole di latta.  Ce n'erano di tutte le forme e dimensioni, e tra quelle sceglievo sempre quella che conteneva   mille e più bottoni, di ogni forma e misura e di tanti colori: ce n'erano rossi, bianchi, neri, grigi, perlati, di legno, rotondi, quadrati, ovali...ma quelli che preferivo erano più simili a gioielli. Nonna li conservava con cura dopo averli tolti da abiti, camicie o cappotti che non si mettevano più e che in qualche modo o maniera avrebbe poi riciclato ( eh sì perché un tempo non si buttava nulla e le nonne sono state delle ottime insegnanti di riciclo c