Passa ai contenuti principali

"Resta viva, inventa, crea, parla, scrivi, sogna, progetta..."


Una delle mie grandi passioni, oltre l'uncinetto, è la scrittura. 

Sono grata a mio padre per avermi trasmesso questo smisurato amore verso la scrittura, a lui che, per primo, mi ha insegnato a scrivere e lo ha fatto prima ancora che andassi a scuola, "salvando" nel tempo che andava di corsa, un tempo tutto per noi.

Prima di andare in pensione, mio padre lavorava in ospedale ed era "prigioniero" di turni estenuanti che lasciavano poco tempo e poco spazio  alla famiglia e, proprio in quel tempo ritagliato, mi ha insegnato a scrivere.

Avevamo un quaderno con la copertina rigida sulla quale erano disegnati alcuni dei personaggi del Mappet Show, se chiudo gli occhi riesco ancora a vederne i colori e a sentire il profumo di quelle pagine bianche che scorrevano davanti ai mei occhi, curiosa e impaziente di riempire.

Mi sedevo sulle sue ginocchia, impugnavo una matita gialla con la gommina rosa in alto e, guidata dalla sua mano, ripercorrevo quelle lettere, fatte di curve, stanghette e puntini.

Pagine e pagine di lettere, a volte sole, a volte a braccetto con le altre...a volte in gruppo a formare le parole, tutte intervallate da cornicette colorate che rendevano l'allegria di quei momenti.

Ho iniziato la scuola materna che sapevo scrivere il mio nome, Federica, in un corsivo incerto ma orgoglioso, con un tratto traballante ma fiera di vedere me stessa, riassunta in quel nome scritto di mio pugno su un foglio bianco.

Era, quel nome, la possibilità di poter essere tutto ciò che volevo...ero io con tutti i miei sogni in divenire, l'inizio di tutto.

Da allora ho sempre scritto e, crescendo, dai quaderni pieni di lettere, parole e disegni, sono passata alle pagine dei diari che custodivano pensieri e sentimenti, scritti nero su bianco, rimasti lì a fissare per sempre momenti che un giorno, avrei avuto voglia di rivivere e nostalgia di rileggere.

La vita mi ha portato lontano da quello che avrei voluto essere, da quelle possibilità che erano così chiare leggendole in quel tratto a matita seppur incerto, ma orgoglioso, che fissava il mio nome ancor prima di leggerlo e che, con tratto più fluido e deciso affidavo, poi, alle pagine dei diari.

Per fortuna la scrittura è prepotente, testarda, audace, coraggiosa e  fissa pensieri e parole che ti ritrovi a leggere nel momento giusto, al posto giusto e, allora....affido i miei pensieri a due donne che sono entrate nella mia vita grazie ai miei fili colorati e, da loro, mi lascio riscrivere e, di loro, tengo ben a mente quelle parole che, scritte, sono arrivate fino a noi, per darci nuovamente coraggio.

"Qualunque cosa succeda ,resta viva.
Non morire prima di essere morta davvero. 
Non perdere te stessa, non perdere l speranza, non perdere la direzione. resta viva con tutta te stessa, con ogni cellula del tuo corpo, con ogni fibra della tua pelle.
Resta viva, impara, studia, pensa, costruisci,, inventa, crea,, parla, scrivi, sogna, progetta.
Resta viva dentro di te, resta viva anche fuori, riempiti dei colori del mondo, riempiti di pace, riempiti di speranza.
Resta viva di gioia.
C'è solo una cosa che non devio sprecare della vita, ed è la vita stessa".  (Virginia Woolf )









 

Commenti

Post popolari in questo blog

"Penso che l' autunno sia più uno stato d' animo, che una stagione"

Amo l'autunno più di ogni altra stagione: penso che le foglie che si colorano di oro, bronzo e rame, siano lo spettacolo più bello che la natura possa offrirci, insieme ai frutti che, allo stesso modo, colorano le nostre tavole! L'autunno è sempre stato, per me, la stagione dei bilanci, della riflessione, del viaggio che faccio dentro me stessa. Finita l' estate, fatta di giorni spensierati in cui decido di mettere in stand by pensieri, progetti e propositi, con l'arrivo dell' autunno riprendo in mano la mia vita, faccio un bilancio di quello che ho realizzato fino a questo momento, ed è allora che decido di "tagliare i rami secchi", se qualcosa non è andato come mi aspettavo, o di tenere e  "colorare", con nuovi colori, ciò che ho ottenuto e che mi piace...la natura in questo è una grande maestra! In autunno prendo le mie decisioni, pianto il seme di progetti futuri, mi preparo lentamente alla primavera che verrà, dopo aver attravers

C'era una volta la scatola dei biscotti di latta...

C'era una volta la scatola dei biscotti di latta. Le nonne ci tenevano i bottoni, le spolette di cotone e tutti gli accessori per il cucito.  Ricordo ancora che da bambina amavo curiosare tra le scatole di latta di mia nonna. Quando il pomeriggio, dopo pranzo,  tutti erano a letto per la "pennichella", io andavo nella piccola saletta accanto alla cucina, aprivo l'armadio e tiravo fuori le scatole di latta.  Ce n'erano di tutte le forme e dimensioni, e tra quelle sceglievo sempre quella che conteneva   mille e più bottoni, di ogni forma e misura e di tanti colori: ce n'erano rossi, bianchi, neri, grigi, perlati, di legno, rotondi, quadrati, ovali...ma quelli che preferivo erano più simili a gioielli. Nonna li conservava con cura dopo averli tolti da abiti, camicie o cappotti che non si mettevano più e che in qualche modo o maniera avrebbe poi riciclato ( eh sì perché un tempo non si buttava nulla e le nonne sono state delle ottime insegnanti di riciclo c

E' Scrunchies mania!

Cosa sono gli Scrunchies?  Chi come me ha vissuto la sua adolescenza negli Anni Ottanta e Novanta, ricorda perfettamente gli elastici in stoffa per capelli che tanto andavano di moda! C'è chi lo ha amato alla follia, nei suoi colori più brillanti e nei vari tessuti, Madonna ne indossava uno grande, di velluto nero, nel film "Cercasi Susan disperatamente", e chi, invece, come Carrie, in un episodio di "Sex and the City", lo ha reclutato come "abbigliamento da casa" alla stregua dell' ugualmente famoso "mollettone",  Io, personalmente, che da ragazza ho sempre avuto i capelli molto lunghi, ho sempre indossato lo scrunchie, per diversi motivi: a differenza degli elastici tradizionali, non strappa i capelli, non stringe e, di conseguenza, non dà il mal di testa. Oggi, quegli stessi scrunchies, tanto amati e odiati allo stesso tempo, sono tornati alla ribalta, anzi, sono un vero e proprio "must have" per chi ha capelli molto lunghi: