Passa ai contenuti principali

Storie di fili e di vita

Ho intitolato questo articolo "Storie di fili e di vita" non soltanto in omaggio a un libro che ho letto in questi giorni e che voglio raccontarvi, "I FILI DELLA VITA" di Clare Hunter, ma anche perché è un po' quello che faccio nella quotidianità, intreccio fili e vita e lo faccio utilizzando gli strumenti che più amo: i ferri da maglia e, qualche volta, l'uncinetto.

Ogni tanto, però,  ho bisogno di cambiare, di mettere in pausa ferri e uncinetto e tornare a sperimentare qualcosa di nuovo. In questi giorni ho scelto di fare qualcosa che non facevo da tempo....da molto tempo, forse dai tempi della scuola media, da quando, cioè, ad integrare l'ora di Tecnologia  c'era anche il momento dedicato alle abilità tecniche, agli antichi mestieri, arti di un tempo passato.

In quel periodo scelsi di imparare a ricamare, prima utilizzando il kit che trovavi in merceria, poi disegnando direttamente sulla stoffa e in seguito ricamando il disegno. Durante quell'ora avevo modo di mettere in pratica ed esercitare tutta la mia creatività che consisteva, appunto, nel disegnare il soggetto da ricamare e poi nello scegliere ed accostare i colori nelle varie sfumature.
Come ogni cosa che si impara da bambina mi è bastato riprendere in mano ago e filo per ricordare almeno le basi di quest'arte antichissima qual è il ricamo.
Un'arte che spesso, come tutti i lavori fatti di fili che si intrecciano e  che un tempo erano compito solo delle donne, viene sottovalutato o considerato solo superficialmente perdendo di vista, invece, tutto il significato che esso racchiude e che si è modificato negli anni.

Il libro di Clare Hunter accoglie il lettore nel mondo del ricamo, svelando tutto il significato che c'è dietro l'ago e il filo, un mondo in cui il ricamo si trasforma in una storia personale; nelle storie di gioie e di dolori; nella riaffermazione della propria identità spesso negata dalle istituzioni; il ricamo che si fa voce di protesta, urlo di dolore, ricerca delle proprie origini; manifestazione di potere; protezione dei figli; ricordo lasciato nelle copertine dei bambini abbandonati come unico legame con la famiglia di origine, con le proprie radici.

Leggere questo libro vuol dire viaggiare attraverso non solo la storia, ma anche attraverso le storie degli individui, dentro le loro emozioni, i loro sentimenti...e così, quando finisci di leggerlo ti rendi conto di guardare al ricamo con occhi diversi e, allo stesso modo, ogni ricamo che in futuro avrai la fortuna di ammirare si presenterà a te con tutta la sua potenza, con tutto il suo significato perché avrai imparato ad ascoltarne la voce, a capirne il messaggio.

Infondo, se ci pensi bene, la storia stessa dell'essere umano si evolve a partire da una semplice corda.
"Tutto cominciò con la corda. La sua scoperta ha cambiato la storia dell'umanità. Una volta trovato il modo di trasformare le fibre vegetali in filo e poi torcere questi fili per farne una corda, l'uomo poté catturare, tenere al guinzaglio e addomesticare gli animali; poté legare e trasportare oggetti; realizzare reti da pesca (...) Dalla corda discesero i filati e dai filati discese il tessuto".

In concomitanza con la nascita del filare e del tessere nacquero miti e leggende, storie di fili antichi, immaginari, "storie di donne  il cui potere risiedeva nell'uso del filo: Andromaca che aggiunge rose protettive al mantello che sta tessendo per il marito Ettore; Arianna che conduce Teseo al centro del labirinto e poi di nuovo alla salvezza con il suo gomitolo di filo rosso; e le tre Parche della mitologia greca, che controllavano il destino degli uomini: una che filava ilo filo della vita, la seconda che lo misurava e la terza che decideva quando tagliarlo" (da "I fili della vita" di Clare Hunter)


Commenti

Post popolari in questo blog

"Penso che l' autunno sia più uno stato d' animo, che una stagione"

Amo l'autunno più di ogni altra stagione: penso che le foglie che si colorano di oro, bronzo e rame, siano lo spettacolo più bello che la natura possa offrirci, insieme ai frutti che, allo stesso modo, colorano le nostre tavole! L'autunno è sempre stato, per me, la stagione dei bilanci, della riflessione, del viaggio che faccio dentro me stessa. Finita l' estate, fatta di giorni spensierati in cui decido di mettere in stand by pensieri, progetti e propositi, con l'arrivo dell' autunno riprendo in mano la mia vita, faccio un bilancio di quello che ho realizzato fino a questo momento, ed è allora che decido di "tagliare i rami secchi", se qualcosa non è andato come mi aspettavo, o di tenere e  "colorare", con nuovi colori, ciò che ho ottenuto e che mi piace...la natura in questo è una grande maestra! In autunno prendo le mie decisioni, pianto il seme di progetti futuri, mi preparo lentamente alla primavera che verrà, dopo aver attravers

C'era una volta la scatola dei biscotti di latta...

C'era una volta la scatola dei biscotti di latta. Le nonne ci tenevano i bottoni, le spolette di cotone e tutti gli accessori per il cucito.  Ricordo ancora che da bambina amavo curiosare tra le scatole di latta di mia nonna. Quando il pomeriggio, dopo pranzo,  tutti erano a letto per la "pennichella", io andavo nella piccola saletta accanto alla cucina, aprivo l'armadio e tiravo fuori le scatole di latta.  Ce n'erano di tutte le forme e dimensioni, e tra quelle sceglievo sempre quella che conteneva   mille e più bottoni, di ogni forma e misura e di tanti colori: ce n'erano rossi, bianchi, neri, grigi, perlati, di legno, rotondi, quadrati, ovali...ma quelli che preferivo erano più simili a gioielli. Nonna li conservava con cura dopo averli tolti da abiti, camicie o cappotti che non si mettevano più e che in qualche modo o maniera avrebbe poi riciclato ( eh sì perché un tempo non si buttava nulla e le nonne sono state delle ottime insegnanti di riciclo c

E' Scrunchies mania!

Cosa sono gli Scrunchies?  Chi come me ha vissuto la sua adolescenza negli Anni Ottanta e Novanta, ricorda perfettamente gli elastici in stoffa per capelli che tanto andavano di moda! C'è chi lo ha amato alla follia, nei suoi colori più brillanti e nei vari tessuti, Madonna ne indossava uno grande, di velluto nero, nel film "Cercasi Susan disperatamente", e chi, invece, come Carrie, in un episodio di "Sex and the City", lo ha reclutato come "abbigliamento da casa" alla stregua dell' ugualmente famoso "mollettone",  Io, personalmente, che da ragazza ho sempre avuto i capelli molto lunghi, ho sempre indossato lo scrunchie, per diversi motivi: a differenza degli elastici tradizionali, non strappa i capelli, non stringe e, di conseguenza, non dà il mal di testa. Oggi, quegli stessi scrunchies, tanto amati e odiati allo stesso tempo, sono tornati alla ribalta, anzi, sono un vero e proprio "must have" per chi ha capelli molto lunghi: