Passa ai contenuti principali

E' Scrunchies mania!





Cosa sono gli Scrunchies? 

Chi come me ha vissuto la sua adolescenza negli Anni Ottanta e Novanta, ricorda perfettamente gli elastici in stoffa per capelli che tanto andavano di moda!

C'è chi lo ha amato alla follia, nei suoi colori più brillanti e nei vari tessuti, Madonna ne indossava uno grande, di velluto nero, nel film "Cercasi Susan disperatamente", e chi, invece, come Carrie, in un episodio di "Sex and the City", lo ha reclutato come "abbigliamento da casa" alla stregua dell' ugualmente famoso "mollettone", 

Io, personalmente, che da ragazza ho sempre avuto i capelli molto lunghi, ho sempre indossato lo scrunchie, per diversi motivi: a differenza degli elastici tradizionali, non strappa i capelli, non stringe e, di conseguenza, non dà il mal di testa.


Oggi, quegli stessi scrunchies, tanto amati e odiati allo stesso tempo, sono tornati alla ribalta, anzi, sono un vero e proprio "must have" per chi ha capelli molto lunghi: da indossare in mille modi, sui capelli, ma anche come bracciale!
Ma chi è stato l'inventore degli scrunchies?

Me lo sono sempre chiesto e, dopo aver fatto una ricerca, l'ho trovato!

Ad inventare gli scrunchies è stato  Philip E. Meyers nel 1963, ma non brevettò la sua invenzione: a farlo fu nel 1987 Ronny Revson, una cantante di nightclub, stanca di danneggiare i suoi capelli con fascette dure fatte di metallo e plastica.

Per creare il suo primo scrunchie, Ronny utilizzò la cintura del suo pigiama: cucì la stoffa in eccesso intorno ad un elastico e lo chiamò Scunci, come il suo barboncino!


Il  nome scrunchie  è stato un' evoluzione naturale del termine insieme alla forma che ha assunto nel tempo: il nome , infatti, sembra proprio descrivere  e rendere alla perfezione  il tessuto che va ad arricciarsi intorno all'elastico.

In questi giorni, ripensando con nostalgia ( ho da tempo rinunciato ad avere i capelli lunghi, dandoci un taglio netto!) a questo accessorio ho voluto realizzarne qualcuno, giocando con grandezze  e tessuti, passando da scrunchies oversize, da poter girare anche due volte intorno ai capelli, a scrunchies small giusti giusti per una coda;  ho utilizzato stoffe in broccato, che li ha resi eleganti, ma anche  il cotone così leggero da farli sembrare  nuvole ed infine, non potevo non realizzarne uno in soffice e morbida lana!

Insomma....ce n'è per tutti i gusti!













Commenti

Post popolari in questo blog

"Penso che l' autunno sia più uno stato d' animo, che una stagione"

Amo l'autunno più di ogni altra stagione: penso che le foglie che si colorano di oro, bronzo e rame, siano lo spettacolo più bello che la natura possa offrirci, insieme ai frutti che, allo stesso modo, colorano le nostre tavole! L'autunno è sempre stato, per me, la stagione dei bilanci, della riflessione, del viaggio che faccio dentro me stessa. Finita l' estate, fatta di giorni spensierati in cui decido di mettere in stand by pensieri, progetti e propositi, con l'arrivo dell' autunno riprendo in mano la mia vita, faccio un bilancio di quello che ho realizzato fino a questo momento, ed è allora che decido di "tagliare i rami secchi", se qualcosa non è andato come mi aspettavo, o di tenere e  "colorare", con nuovi colori, ciò che ho ottenuto e che mi piace...la natura in questo è una grande maestra! In autunno prendo le mie decisioni, pianto il seme di progetti futuri, mi preparo lentamente alla primavera che verrà, dopo aver attravers

L'uncinetto tunisino ... che magnifica scoperta!

 In questo periodo di quarantena, in cui abbiamo messo in standby la "normale" routine quotidiana, in cui abbiamo fatto, un po' tutti, i conti con la lentezza, ho dedicato il mio tempo a sperimentare le tecniche più diverse e, quasi per caso, ho incontrato sul web (mantenendo la distanza di sicurezza😜) l' uncinetto tunisino. Una vera e propria scoperta!!! L' uncinetto tunisino è un buon compromesso tra la lavorazione all'uncinetto tradizionale e  il lavoro a maglia, e, forse, è proprio per questo che lo adoro!

C'era una volta la scatola dei biscotti di latta...

C'era una volta la scatola dei biscotti di latta. Le nonne ci tenevano i bottoni, le spolette di cotone e tutti gli accessori per il cucito.  Ricordo ancora che da bambina amavo curiosare tra le scatole di latta di mia nonna. Quando il pomeriggio, dopo pranzo,  tutti erano a letto per la "pennichella", io andavo nella piccola saletta accanto alla cucina, aprivo l'armadio e tiravo fuori le scatole di latta.  Ce n'erano di tutte le forme e dimensioni, e tra quelle sceglievo sempre quella che conteneva   mille e più bottoni, di ogni forma e misura e di tanti colori: ce n'erano rossi, bianchi, neri, grigi, perlati, di legno, rotondi, quadrati, ovali...ma quelli che preferivo erano più simili a gioielli. Nonna li conservava con cura dopo averli tolti da abiti, camicie o cappotti che non si mettevano più e che in qualche modo o maniera avrebbe poi riciclato ( eh sì perché un tempo non si buttava nulla e le nonne sono state delle ottime insegnanti di riciclo c