Passa ai contenuti principali

I love Yarnbombing




A chi, passeggiando per il paese si imbatte in  un albero interamente ricoperto di tante e colorate granny square o trova un piccolo cuore di lana annodato a un ramo o a un tronco, o viene sorpreso da una qualsiasi installazione di lana o cotone in un angolo di un parco o lungo la strada, e che si domanda :"Ma che cos'è?" voglio rispondere: "Niente paura è "solo" yarnbombing!".

Ma che cos'è lo yarnbombing?

Lo Yarnbombing , letteralmente "bombardamento di filati", è una nuova forma di arte urbana, colorata,ecologica e pacifica: non usiamo bombolette spray ma  fili  di lana e cotone lavorati a maglia o all'uncinetto con cui rivestiamo  gli arredi urbani e i parchi delle nostre città o paesi.


Si possono rivestire statue, alberi,  panchine, cestini per i rifiuti, colonne, lampioni... che diventano, così, veri e propri manufatti artistici che, non solo abbelliscono parchi, piazze, vie ma che rendono quegli stessi luoghi colorati e gioiosi.


E come ogni movimento artistico che si rispetti, anche lo Yarnbombing ha il suo Manifesto che va rispettato! Pertanto:

  1. Le opere saranno realizzate con materiali  quali lana, filati, talvolta con oggetti di recupero opportunamente modificati
  2. Le tecniche utilizzate saranno il knitting e il crochet, con qualche contaminazione che non dovrà  comunque essere preponderante
  3. Saranno destinate all'esclusivo abbellimento degli arredi urbani
  4. Le installazioni avranno carattere temporaneo
  5. Non costituiranno intralcio alla viabilità
  6. Saranno completamente removibili
  7. I temi delle installazioni non dovranno essere offensive nei contenuti
  8. Dovranno essere identificabili tramite rivendicazione del gruppo e dell'artista che le ha create


Quando accompagno i miei bambini al parco, porto sempre con me un gomitolo di lana e un uncinetto e, mentre loro giocano o vanno in bicicletta, io mi metto a lavoro per lasciare in quel luogo un piccolo cuore, un fiore, un sole...: un modo, tutto mio, per ringraziare quello spazio  della sua ospitalità!

E tu ci hai mai pensato? Provaci e fammi sapere!




Commenti

Post popolari in questo blog

"Penso che l' autunno sia più uno stato d' animo, che una stagione"

Amo l'autunno più di ogni altra stagione: penso che le foglie che si colorano di oro, bronzo e rame, siano lo spettacolo più bello che la natura possa offrirci, insieme ai frutti che, allo stesso modo, colorano le nostre tavole! L'autunno è sempre stato, per me, la stagione dei bilanci, della riflessione, del viaggio che faccio dentro me stessa. Finita l' estate, fatta di giorni spensierati in cui decido di mettere in stand by pensieri, progetti e propositi, con l'arrivo dell' autunno riprendo in mano la mia vita, faccio un bilancio di quello che ho realizzato fino a questo momento, ed è allora che decido di "tagliare i rami secchi", se qualcosa non è andato come mi aspettavo, o di tenere e  "colorare", con nuovi colori, ciò che ho ottenuto e che mi piace...la natura in questo è una grande maestra! In autunno prendo le mie decisioni, pianto il seme di progetti futuri, mi preparo lentamente alla primavera che verrà, dopo aver attravers

L'uncinetto tunisino ... che magnifica scoperta!

 In questo periodo di quarantena, in cui abbiamo messo in standby la "normale" routine quotidiana, in cui abbiamo fatto, un po' tutti, i conti con la lentezza, ho dedicato il mio tempo a sperimentare le tecniche più diverse e, quasi per caso, ho incontrato sul web (mantenendo la distanza di sicurezza😜) l' uncinetto tunisino. Una vera e propria scoperta!!! L' uncinetto tunisino è un buon compromesso tra la lavorazione all'uncinetto tradizionale e  il lavoro a maglia, e, forse, è proprio per questo che lo adoro!

C'era una volta la scatola dei biscotti di latta...

C'era una volta la scatola dei biscotti di latta. Le nonne ci tenevano i bottoni, le spolette di cotone e tutti gli accessori per il cucito.  Ricordo ancora che da bambina amavo curiosare tra le scatole di latta di mia nonna. Quando il pomeriggio, dopo pranzo,  tutti erano a letto per la "pennichella", io andavo nella piccola saletta accanto alla cucina, aprivo l'armadio e tiravo fuori le scatole di latta.  Ce n'erano di tutte le forme e dimensioni, e tra quelle sceglievo sempre quella che conteneva   mille e più bottoni, di ogni forma e misura e di tanti colori: ce n'erano rossi, bianchi, neri, grigi, perlati, di legno, rotondi, quadrati, ovali...ma quelli che preferivo erano più simili a gioielli. Nonna li conservava con cura dopo averli tolti da abiti, camicie o cappotti che non si mettevano più e che in qualche modo o maniera avrebbe poi riciclato ( eh sì perché un tempo non si buttava nulla e le nonne sono state delle ottime insegnanti di riciclo c