Passa ai contenuti principali

Magda Sayeg e lo Yarn Bombing ....bombardamento di filati!

Conosci Magda Sayeg?

 Beh se non la conoscete vi consiglio di dare una sbirciatina alle sue spettacolari creazioni, rimarrete letteralmente a bocca aperta!!!!
Magda Sayeg vive ad Austin, in Texas, mamma di tre bambini e di un bulldog, Stella, quando non lavora a maglia è occupata come imprenditrice al Cafè Brasil di Houston e la Domy Books ( a metà tra galleria d'arte e libreria).
Nel 2005 decise  di abbellire il suo negozio in modo originale: orno' le maniglie delle porte con lavori all'uncinetto. L'iniziativa riscosse grande successo tra i suoi clienti e il loro consenso fu il trampolino di lancio di quella che verrà chiamata "Yarn Bombing", letteralmente "bombardamento di filati": Magda esportò queste decorazioni fuori dal suo negozio per abbellire gli spazi urbani della sua città, e fu subito un successo!


Nasce così lo yarnbombing

In breve tempo, lo yarn bombing si diffuse in tutto il mondo , nonostante la sua pratica illegale al pari dei graffiti (così come un artista di graffiti fa uso di una bomboletta spray per realizzare murales, Maghda Sayeg utilizza dei ferri da maglia e della lana dai mille colori per avvolgere oggetti urbani di qualsiasi forma), è sicuramente la più apprezzata in quanto più facilmente removibile (i manufatti possono essere rimossi facilmente e velocemente senza apportare danni permanenti all'ambiente urbano)

Dopo l'esordio sulle strade, le opere più importanti sono approdate nei musei di tutto il mondo, ufficializzando in tal modo la nascita di un' arte nuova  e originale, detta Urban Knitting.
Comunque la si chiami , sia essa Yarn Bombing, Urban Knitting, Graffiti Knitting...si tratta di un nuovo linguaggio per " riappropriarsi degli spazi urbani in modo collettivo e divertente, rivestendo angoli metropolitani di uno strato di lana o altri filati coloratissimi" che vede protagoniste donne armate di ferri e uncinetti, fili di cotone e lana!

Conoscevi Magda Sayeg? Non trovi sia meravigliosa? 


Commenti

  1. Una vera amante dei filati.. Un'esplosione di arte e allegria! Grazie per avermela fatta conoscere..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per aver letto l'articolo! I graffiti in lana sono uno spettacolo, un'esplosione di colori....un mondo tutto da scoprire!!!!

      Elimina
  2. Meravigliosa fantasia! Ho apprezzato le opere di questa artista in diverse occasioni...che dire? Splendide!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

"Penso che l' autunno sia più uno stato d' animo, che una stagione"

Amo l'autunno più di ogni altra stagione: penso che le foglie che si colorano di oro, bronzo e rame, siano lo spettacolo più bello che la natura possa offrirci, insieme ai frutti che, allo stesso modo, colorano le nostre tavole! L'autunno è sempre stato, per me, la stagione dei bilanci, della riflessione, del viaggio che faccio dentro me stessa. Finita l' estate, fatta di giorni spensierati in cui decido di mettere in stand by pensieri, progetti e propositi, con l'arrivo dell' autunno riprendo in mano la mia vita, faccio un bilancio di quello che ho realizzato fino a questo momento, ed è allora che decido di "tagliare i rami secchi", se qualcosa non è andato come mi aspettavo, o di tenere e  "colorare", con nuovi colori, ciò che ho ottenuto e che mi piace...la natura in questo è una grande maestra! In autunno prendo le mie decisioni, pianto il seme di progetti futuri, mi preparo lentamente alla primavera che verrà, dopo aver attravers

L'uncinetto tunisino ... che magnifica scoperta!

 In questo periodo di quarantena, in cui abbiamo messo in standby la "normale" routine quotidiana, in cui abbiamo fatto, un po' tutti, i conti con la lentezza, ho dedicato il mio tempo a sperimentare le tecniche più diverse e, quasi per caso, ho incontrato sul web (mantenendo la distanza di sicurezza😜) l' uncinetto tunisino. Una vera e propria scoperta!!! L' uncinetto tunisino è un buon compromesso tra la lavorazione all'uncinetto tradizionale e  il lavoro a maglia, e, forse, è proprio per questo che lo adoro!

C'era una volta la scatola dei biscotti di latta...

C'era una volta la scatola dei biscotti di latta. Le nonne ci tenevano i bottoni, le spolette di cotone e tutti gli accessori per il cucito.  Ricordo ancora che da bambina amavo curiosare tra le scatole di latta di mia nonna. Quando il pomeriggio, dopo pranzo,  tutti erano a letto per la "pennichella", io andavo nella piccola saletta accanto alla cucina, aprivo l'armadio e tiravo fuori le scatole di latta.  Ce n'erano di tutte le forme e dimensioni, e tra quelle sceglievo sempre quella che conteneva   mille e più bottoni, di ogni forma e misura e di tanti colori: ce n'erano rossi, bianchi, neri, grigi, perlati, di legno, rotondi, quadrati, ovali...ma quelli che preferivo erano più simili a gioielli. Nonna li conservava con cura dopo averli tolti da abiti, camicie o cappotti che non si mettevano più e che in qualche modo o maniera avrebbe poi riciclato ( eh sì perché un tempo non si buttava nulla e le nonne sono state delle ottime insegnanti di riciclo c