Passa ai contenuti principali

La magia è tutta in un filo di lana

Hai mai letto la saga di Harry Potter?

Ho letto i libri di J. K. Rowling dedicati ad Harry Potter tutti d'un fiato, affascinata dalle avventure di questo maghetto occhialuto e dei suoi amici nella lotta contro il male in nome di valori come la lealtà, l'amicizia,l'amore,il rispetto e la verità.
Ho iniziato a leggere il primo libro, un po' per caso, un po' per sfida...io che amavo le grandi storie d'amore e quelle di paura, mi sono lasciata travolgere  da una storia che credevo fosse scritta per un pubblico di ragazzi e adolescenti...nulla di più falso!
Già dalle prime righe ti ritrovi catapultato all'interno di un mondo magico, affascinato da tutti quei personaggi, ognuno con delle caratteristiche ben precise, ognuno che, a fine lettura, ti lascerà un piccolo insegnamento...pagina dopo pagina, avventura dopo avventura, inizi ad amarli tutti, a sentire un po' tua anche quella storia...e così finito un libro non vedi l'ora di iniziare quello successivo e così vai spedito fino all'ultimo!!!!
E quando hai finito di leggere tutti e sette i libri?....per fortuna ci sono i film!

La scena più bella?

 Senza alcun dubbio la prima di tutte quando Harry, dopo aver scoperto di essere un mago e di essere stato ammesso alla scuola di magia,  arrivato finalmente a Hogwarts , alla Scuola di Magia e Stregoneria di Albus Silente, fatta amicizia, durante il viaggio con quelli che saranno i suoi inseparabili compagni di mille avventure, nonché migliori amici, Ron  ed Hermione, si ritroverà con   tutti i ragazzi del primo anno a dover essere assegnato dal Cappello Parlante a una delle quattro case della scuola: Grifondoro, Serpeverde, Tassorosso e Corvonero.
Harry, Ron ed Hermione vengono assegnati alla casa dei Grifondoro!
Ogni casa è contrassegnata da dei colori particolari: il rosso, in compagnia dell'oro, contraddistingue i Grifondoro, il rosso rappresenta l'energia, la passione, il movimento e i Grifondoro sono la casa degli impavidi; il verde e l'argento sono i colori che rappresentano i Serpeverde,  il verde è associato con la Magia Oscura,  è un colore che nel folklore  è collegato alla sfortuna, alla morte, ma porta anche delle associazioni positive, come l'energia e la rinascita; il blu e il bronzo sono i colori di Corvonero, il blu significa fiducia, responsabilità e lealtà, è un colore che evoca la calma tipica delle persone molto elevate  intellettualmente; il giallo e il nero sono i colori dei Tassorosso e  rappresenta il grano e il terreno, il giallo è il colore del pensiero pratico.

Il mio omaggio a Herry Potter?

Amando così tanto la saga di Harry Potter non potevo non omaggiare questo personaggio realizzando una sciarpa con i colori della sua casa, quella dei Grifondoro, e così, ecco qui la mia piccola magia....tutta in un filo di lana!

Commenti

Post popolari in questo blog

"Penso che l' autunno sia più uno stato d' animo, che una stagione"

Amo l'autunno più di ogni altra stagione: penso che le foglie che si colorano di oro, bronzo e rame, siano lo spettacolo più bello che la natura possa offrirci, insieme ai frutti che, allo stesso modo, colorano le nostre tavole! L'autunno è sempre stato, per me, la stagione dei bilanci, della riflessione, del viaggio che faccio dentro me stessa. Finita l' estate, fatta di giorni spensierati in cui decido di mettere in stand by pensieri, progetti e propositi, con l'arrivo dell' autunno riprendo in mano la mia vita, faccio un bilancio di quello che ho realizzato fino a questo momento, ed è allora che decido di "tagliare i rami secchi", se qualcosa non è andato come mi aspettavo, o di tenere e  "colorare", con nuovi colori, ciò che ho ottenuto e che mi piace...la natura in questo è una grande maestra! In autunno prendo le mie decisioni, pianto il seme di progetti futuri, mi preparo lentamente alla primavera che verrà, dopo aver attravers

C'era una volta la scatola dei biscotti di latta...

C'era una volta la scatola dei biscotti di latta. Le nonne ci tenevano i bottoni, le spolette di cotone e tutti gli accessori per il cucito.  Ricordo ancora che da bambina amavo curiosare tra le scatole di latta di mia nonna. Quando il pomeriggio, dopo pranzo,  tutti erano a letto per la "pennichella", io andavo nella piccola saletta accanto alla cucina, aprivo l'armadio e tiravo fuori le scatole di latta.  Ce n'erano di tutte le forme e dimensioni, e tra quelle sceglievo sempre quella che conteneva   mille e più bottoni, di ogni forma e misura e di tanti colori: ce n'erano rossi, bianchi, neri, grigi, perlati, di legno, rotondi, quadrati, ovali...ma quelli che preferivo erano più simili a gioielli. Nonna li conservava con cura dopo averli tolti da abiti, camicie o cappotti che non si mettevano più e che in qualche modo o maniera avrebbe poi riciclato ( eh sì perché un tempo non si buttava nulla e le nonne sono state delle ottime insegnanti di riciclo c

E' Scrunchies mania!

Cosa sono gli Scrunchies?  Chi come me ha vissuto la sua adolescenza negli Anni Ottanta e Novanta, ricorda perfettamente gli elastici in stoffa per capelli che tanto andavano di moda! C'è chi lo ha amato alla follia, nei suoi colori più brillanti e nei vari tessuti, Madonna ne indossava uno grande, di velluto nero, nel film "Cercasi Susan disperatamente", e chi, invece, come Carrie, in un episodio di "Sex and the City", lo ha reclutato come "abbigliamento da casa" alla stregua dell' ugualmente famoso "mollettone",  Io, personalmente, che da ragazza ho sempre avuto i capelli molto lunghi, ho sempre indossato lo scrunchie, per diversi motivi: a differenza degli elastici tradizionali, non strappa i capelli, non stringe e, di conseguenza, non dà il mal di testa. Oggi, quegli stessi scrunchies, tanto amati e odiati allo stesso tempo, sono tornati alla ribalta, anzi, sono un vero e proprio "must have" per chi ha capelli molto lunghi: