Passa ai contenuti principali

Laboratori creativi



Pronti, laboratori...via!!!!

Settembre è il mese dei buoni propositi, anzi potrei addirittura dire che per me l'anno inizia proprio a settembre! I bambini ritornano a scuola e la mattina posso riprendere in tutta tranquillità il mio lavoro e mettere ordine a pensieri e progetti.
Con settembre tornano anche i miei appuntamenti pomeridiani con le mie Gomitoline e quest'anno più che mai sono ricchi di grandi novità: utilizzeremo molto il telaio, così, non solo potremmo realizzare in poco tempo e tutte insieme cappelli e scaldacollo colorati, ma soprattutto potranno partecipare al laboratorio anche i più piccoli, che ogni volta mi chiedono di poter provare quegli strani "aggeggi"!


Questi pomeriggi sono i momenti che più mi piacciono di quello che faccio, non solo perché sono uno stimolo continuo a cercare idee da poter realizzare con bambini e ragazze, ma perchè ho la possibilità, così preziosa e così importante, di trasmettere un sapere.
Lavorare a maglia è un po' come andare in bicicletta: una volta che hai imparato, anche se per un po' non lavori, ogni volta che impugnerai ferri o telaio, sarà come non aver mai smesso.

Quando arrivo nella nostra saletta della maglia, non faccio altro che disporre tavoli e sedie, appoggiare la mia borsa magica sul tavolo e tirar fuori telai, ferri e gomitoli dai mille colori e dalle varie consistenze e come per magia il tavolo si affolla di occhi curiosi, di manine che afferrano  telai e accarezzano gomitoli.
 La creatività è una magia, annulla differenze di età, di culture, avvicina anche mondi lontani, non parla nessuna lingua in particolare, perché esiste un linguaggio universale: il saper fare con amore!

"Inspira possibilità, espira creatività" 

Commenti

Post popolari in questo blog

"Penso che l' autunno sia più uno stato d' animo, che una stagione"

Amo l'autunno più di ogni altra stagione: penso che le foglie che si colorano di oro, bronzo e rame, siano lo spettacolo più bello che la natura possa offrirci, insieme ai frutti che, allo stesso modo, colorano le nostre tavole! L'autunno è sempre stato, per me, la stagione dei bilanci, della riflessione, del viaggio che faccio dentro me stessa. Finita l' estate, fatta di giorni spensierati in cui decido di mettere in stand by pensieri, progetti e propositi, con l'arrivo dell' autunno riprendo in mano la mia vita, faccio un bilancio di quello che ho realizzato fino a questo momento, ed è allora che decido di "tagliare i rami secchi", se qualcosa non è andato come mi aspettavo, o di tenere e  "colorare", con nuovi colori, ciò che ho ottenuto e che mi piace...la natura in questo è una grande maestra! In autunno prendo le mie decisioni, pianto il seme di progetti futuri, mi preparo lentamente alla primavera che verrà, dopo aver attravers

L'uncinetto tunisino ... che magnifica scoperta!

 In questo periodo di quarantena, in cui abbiamo messo in standby la "normale" routine quotidiana, in cui abbiamo fatto, un po' tutti, i conti con la lentezza, ho dedicato il mio tempo a sperimentare le tecniche più diverse e, quasi per caso, ho incontrato sul web (mantenendo la distanza di sicurezza😜) l' uncinetto tunisino. Una vera e propria scoperta!!! L' uncinetto tunisino è un buon compromesso tra la lavorazione all'uncinetto tradizionale e  il lavoro a maglia, e, forse, è proprio per questo che lo adoro!

C'era una volta la scatola dei biscotti di latta...

C'era una volta la scatola dei biscotti di latta. Le nonne ci tenevano i bottoni, le spolette di cotone e tutti gli accessori per il cucito.  Ricordo ancora che da bambina amavo curiosare tra le scatole di latta di mia nonna. Quando il pomeriggio, dopo pranzo,  tutti erano a letto per la "pennichella", io andavo nella piccola saletta accanto alla cucina, aprivo l'armadio e tiravo fuori le scatole di latta.  Ce n'erano di tutte le forme e dimensioni, e tra quelle sceglievo sempre quella che conteneva   mille e più bottoni, di ogni forma e misura e di tanti colori: ce n'erano rossi, bianchi, neri, grigi, perlati, di legno, rotondi, quadrati, ovali...ma quelli che preferivo erano più simili a gioielli. Nonna li conservava con cura dopo averli tolti da abiti, camicie o cappotti che non si mettevano più e che in qualche modo o maniera avrebbe poi riciclato ( eh sì perché un tempo non si buttava nulla e le nonne sono state delle ottime insegnanti di riciclo c