Passa ai contenuti principali

Tra il dire e il fare c'è di mezzo il dimostrare

Buongiorno estate!

Scendere pieno le scale, un gradino alla volta, cercando di non far rumore per non svegliare nessuno; andare in cucina e prepararsi il caffè, e, nell'attesa che  la caffettiera borbotti, sbirciare fuori la finestra per vedere che tempo che fa. 
Uscire in giardino con la tazza del caffè ancora fumante: lo sguardo si perde in questo paesaggio, nel verde delle montagne e nel profumo di un' aria che sa di fresco e buono...idee, progetti, ricordi si fanno strada nella mia mente...mi sento in bilico tra tutti i miei vorrei...eppure vorrei svegliarmi così ogni mattina, respirare quest'aria, ammirare questi paesaggi, fare ordine nei miei pensieri e aspettare in silenzio che tutti si sveglino perché la giornata abbia inizio!
Amo lavorare a maglia quando sono in montagna, osservare il filo che con i ferri crea intrecci colorati e delicati, vedere come è simile alla vita di tutti i giorni dove momenti si intrecciano e creano la giornata...e come i ferri guidano quel delicato filo di lana, così noi guidiamo le nostre giornate  a volte nella direzione giusta, altre in quella sbagliata e così, a volte siamo costretti a fare, disfare e ricominciare da capo.
Ogni nuovo inizio è una sfida, spesso mette paura ma poi una volta inziato il percorso tutto assume un ordine e un significato!
Ecco, in questo momento mi sento come un uccellino che deve spiccare il volo, combattuto tra il desiderio di volare  e la paura di cadere.... e dove desiderio e paura hanno la stessa intensità!


"Qualunque cosa tu possa fare, qualunque sogno tu possa sognare, comincia"
( J.W.Goethe)



Commenti

Post popolari in questo blog

"Penso che l' autunno sia più uno stato d' animo, che una stagione"

Amo l'autunno più di ogni altra stagione: penso che le foglie che si colorano di oro, bronzo e rame, siano lo spettacolo più bello che la natura possa offrirci, insieme ai frutti che, allo stesso modo, colorano le nostre tavole! L'autunno è sempre stato, per me, la stagione dei bilanci, della riflessione, del viaggio che faccio dentro me stessa. Finita l' estate, fatta di giorni spensierati in cui decido di mettere in stand by pensieri, progetti e propositi, con l'arrivo dell' autunno riprendo in mano la mia vita, faccio un bilancio di quello che ho realizzato fino a questo momento, ed è allora che decido di "tagliare i rami secchi", se qualcosa non è andato come mi aspettavo, o di tenere e  "colorare", con nuovi colori, ciò che ho ottenuto e che mi piace...la natura in questo è una grande maestra! In autunno prendo le mie decisioni, pianto il seme di progetti futuri, mi preparo lentamente alla primavera che verrà, dopo aver attravers

L'uncinetto tunisino ... che magnifica scoperta!

 In questo periodo di quarantena, in cui abbiamo messo in standby la "normale" routine quotidiana, in cui abbiamo fatto, un po' tutti, i conti con la lentezza, ho dedicato il mio tempo a sperimentare le tecniche più diverse e, quasi per caso, ho incontrato sul web (mantenendo la distanza di sicurezza😜) l' uncinetto tunisino. Una vera e propria scoperta!!! L' uncinetto tunisino è un buon compromesso tra la lavorazione all'uncinetto tradizionale e  il lavoro a maglia, e, forse, è proprio per questo che lo adoro!

C'era una volta la scatola dei biscotti di latta...

C'era una volta la scatola dei biscotti di latta. Le nonne ci tenevano i bottoni, le spolette di cotone e tutti gli accessori per il cucito.  Ricordo ancora che da bambina amavo curiosare tra le scatole di latta di mia nonna. Quando il pomeriggio, dopo pranzo,  tutti erano a letto per la "pennichella", io andavo nella piccola saletta accanto alla cucina, aprivo l'armadio e tiravo fuori le scatole di latta.  Ce n'erano di tutte le forme e dimensioni, e tra quelle sceglievo sempre quella che conteneva   mille e più bottoni, di ogni forma e misura e di tanti colori: ce n'erano rossi, bianchi, neri, grigi, perlati, di legno, rotondi, quadrati, ovali...ma quelli che preferivo erano più simili a gioielli. Nonna li conservava con cura dopo averli tolti da abiti, camicie o cappotti che non si mettevano più e che in qualche modo o maniera avrebbe poi riciclato ( eh sì perché un tempo non si buttava nulla e le nonne sono state delle ottime insegnanti di riciclo c